Napoli. VI edizione del Premio “Tutore del Patrimonio e delle Tradizioni Napoletane”

“La VI edizione del Premio “Tutore del Patrimonio e delle Tradizioni Napoletane” si svolgerà il
giorno giovedì 6 ottobre 2011 alle ore 17.30 presso il Reale Yacht Club Canottieri Savoia di
Napoli, alla presenza di S.A.R. il Principe Sergio di Jugoslavia”.
Lo rende noto l’ architetto Gian Carlo Garzoni, presidente del Comitato organizzatore del premio.
Tra i premiati, a cui verrà consegnata una targa ricordo, ci sono: Accademia Aeronautica di
Pozzuoli; Scuola Militare Nunziatella; Croce Rossa Italiana; Sergio Bruni e Luisa Conte (alla
memoria); Antico Forno F.lli Attanasio; Michele Caputo; Concetta Ferrigno; Gran Caffè
Gambrinus; Mario Maglione; Mario Talarico.


“Anche questa edizione, patrocinata moralmente dalla Regione Campania, dalla Provincia di
Napoli e dal Comune di Napoli – prosegue Garzoni – ha avuto l’adesione del Presidente della
Repubblica Giorgio Napolitano”.
Condurrà la serata la presentatrice Adele Vian accompagnata al pianoforte con brevi stacchi
musicali dal maestro Franco Farina; le consegne saranno intervallate da brani musicali e brevi
interviste ai premiati; in sala verrà fornito un depliant illustrativo sulle motivazioni dei singoli
premiati ed al termine della manifestazione offerto un rinfresco. Durante la manifestazione sarà
ricordato il 60esimo anniversario della canzone “Luna Rossa”, musicata dal maestro Antonio
Viscione (in arte Vian) su versi di Vincenzo De Crescenzo.
L’Associazione Internazionale Regina Elena (A.I.R.H.) presieduta da S.A.R. il Principe Sergio di
Jugoslavia (figlio della Principessa Reale Maria Pia di Savoia, figlia di Re Umberto II) riunisce
migliaia di persone per attività caritatevoli, spirituali e culturali sull’esempio della Regina Elena,
Rosa d’Oro della Cristianità, e definita “Regina della Carità” da Papa Pio XII.
Da qualche anno, l’Associazione ha istituito il Premio “Tutore del Patrimonio e delle Tradizioni
Napoletane”, con l’intento di assegnare un riconoscimento “in vita” ed “alla memoria”, ad alcuni
cittadini, in particolare a Napoli, che nell’arco della propria attività, abbiano tutelato, conservato e
divulgato il patrimonio culturale e tradizionale Napoletano, in Italia e nel mondo.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: