Il consenso sulla pelle della gente. Le foto di Berlusconi nel centro dell’Aquila con i grandi della terra

Quando ci fu la crisi drammatica della spazzatura a Napoli, durante il Governo Prodi , avvenne una cosa inaspettata : nessuna delle regioni del Nord accettò di prendere i rifiuti prodotti dalla Campania.  Appariva all’epoca un atteggiamento classista e politicamente orientato il cui scopo fosse quello di far pagare ad una classe politica campana corrotta i risultati della loro cattiva gestione. Tutti ricorderanno , inoltre, gli scontri di Cagliari dove alcune navi avevano tentato di portare alle discariche sarde parte dei rifiuti per alleviare la sofferenza dei Campani.

Poi all’improvviso , dopo più di due mesi di terribile sofferenza, vinte le elezioni da parte di Berlusconi, i rifiuti , in silenzio verranno  ridistribuiti tra tutte le regioni del nord in primo luogo la Lombardia e in poco tempo spariscono dalle strade.  Lasciare i napoletani nella “merda” non era quindi una questione classista , né un principio politico ma una scelta consapevole finalizzata alla creazione di un momento mediatico di forte impatto che si potesse tradurre in consenso : Berlusconi davanti alla Napoli straziata con le telecamere di tutto il mondo a riprendere dimostrando di essere il salvatore e l’eletto della società civile martoriata.

Che quelle riprese siano state organizzate tenendo i Napoletani per due mesi nel rischio di epidemie , bloccando i trasferimento al Nord della spazzatura non aveva e ancora oggi non sembra avere nessuna importanza.

Le immagini della passeggiata dei capi di governo e Berlusconi nell’Aquila distrutta dal terremoto  con  le telecamere di tutto il mondo che riprendono il salvatore e l’eletto mi  ricordano quei momenti napoletani forse  perché anche in Abruzzo sono due mesi che non è possibile alcun rientro nelle case agibili del centro storico, non è iniziato alcun intervento “congelando” le macerie in attesa delle telecamere  e della passeggiata mediatica.

Mi  sembra di intravedere un metodo di creazione del consenso “spaventoso ” che sulla pelle delle persone , in una folle sceneggiatura sia alla ricerca di uno scenario drammatico sul quale poter intervenire, preparando il copione in attesa del colpo di scena ad effetto anche a costo di lasciare in tenda per più tempo famiglie , bambini e  anziani alcuni dei quali  potrebbero già essere al sicuro in qualche casa agibile del centro.

Se così fosse già dalla prossima settimana sarà possibile aprire il centro e le case agibili  e questa sarà la dimostrazione che si attendevano le telecamere internazionali , il colpo di scena per poi far entrare le persone nelle case.

Se due più due fa quattro al prossimo disastro qualcun altro dovrà soffrire per lo spettacolo di Berlusconi.

Diffondete e denunciate.
Lucio Aquilina

Annunci

3 Risposte to “Il consenso sulla pelle della gente. Le foto di Berlusconi nel centro dell’Aquila con i grandi della terra”

  1. ANTONIO SORGI Says:

    E’ davvero un articolo acuto, intelligente. Non ti conosco, ma credo tu abbia centrato la questione. Se questa maggioranza di merda di italiani non fossero così stupidi da continuare a votare questo Berlusconi saremmo un paese migliore. La speranza è che qualcuno dia finalmente le leve del comando agli epigoni di Bertinotti alleati al fascistissimo Di Pietro e alla quintessenza del nulla che si chiama PD, così l’Italia finalmente finirà nella merda e potrà poi solo risalire.

  2. libera 2009 Says:

    Dopo quello che la Regione Campania e i napoletani combinano per rovinare e sporcare la loro terra…penso sia meglio tacere su ciò che fanno gli altri o su perchè lo fanno.
    La “munnezza”, qualla gettata a terra senza civiltà, la fanno anche i napoletani di Chiaia- zona che mi dicono “salotto di Napol”-.
    Come pretendete-se non cambiate la vostra forma mentis- di stare puliti in periferia?

  3. ENNIO Says:

    Mi fa piacere sapere che non sono solo a pensare che siamo governati da un cialtrone cinico,irresponsabile,indegno ed ora anche fedifrago.Sono gli “ITALIOTI”che lo votano il vero problema,con le sue TV spazzatura e l’esercito di lacche’ ha anestetizzato le coscienze di questi creduloni,il mio timore e’ che il risveglio sara’ duro e alla fine il prezzo la pacheranno tutti ,anche noi “ITALIANI”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: