Progetto Waterfront: le critiche di Rifondazione Comunista di Pozzuoli

Il 22 maggio, nel corso “Forum Campi Flegrei 2010 – 2020” svoltosi nell’area della ex Sofer di Pozzuoli è stato presentato il progetto Waterfront che si presenta come determinante per il futuro della città e per il i Campi Flegrei. Il Partito della Rifondazione Comunista di Pozzuoli, pur considerando giusta l’idea del recupero e la valorizzazione del litorale, ritiene opportuno osservare le seguenti critiche:


1. Ambiente: è necessario sapere il livello di inquinamento della spiaggia e dei fondali. Ricordiamo che nella fabbrica Sofer hanno lavorato e sono morti tanti lavoratori costretti a lavorare con l’amianto. Quindi bisogna fare chiarezza sui metodi, tempi e soggetti che si occuperanno della bonifica. Allo stesso momento è necessario valutare complessivamente l’impatto ambientale del progetto.
2. Lavoro: evitare di cadere nelle speculazioni sulla pelle dei disoccupati, specie nei periodi di campagna elettorale. Ad ogni modo coloro i quali saranno gli attori principali del progetto – imprese e istituzioni – dovranno garantire che gli eventuali posti di lavoro creati riguarderanno, per la maggior parte dei casi, impieghi a tempo pieno, evitando – nei limiti del possibile – di creare una “fabbrica di precari”.
La gente di Pozzuoli ha atteso troppo tempo lo sviluppo turistico, ha sacrificato posti di lavoro nell’industria (vedi vicenda Sofer) e si stanno caricando troppe attese sul progetto Waterfront. Proprio perché il progetto si candida ad essere da modello, è necessario che ci sia vigilanza sulle assunzioni. Non è concepibile deludere tanti giovani che attendono un lavoro da anni.
3. partecipazione: riteniamo opportuno che i cittadini abbiano un ruolo di primo piano nel processo di riconversione del litorale. Il Waterfront è parte integrante del centro di Pozzuoli. E l’area non può essere un corpo estraneo all’interno della città. Per evitare di dividere ancora di più Pozzuoli è necessario coinvolgere i cittadini chiamandoli ad esprimersi in forum aperti, che consentono di porre critiche ma anche di avanzare proposte.

In attesa di risposte ai cittadini – che dovrebbero venire prima dall’Amministrazione puteolana e poi dalle imprese coinvolte – il Partito della Rifondazione Comunista di Pozzuoli promuoverà e parteciperà ad incontri e discussioni per confrontarsi con i movimenti, i partiti e le associazioni presenti sul territorio ed organizzerà iniziative di mobilitazione della cittadinanza.

27 maggio 2009

Annunci

Una Risposta to “Progetto Waterfront: le critiche di Rifondazione Comunista di Pozzuoli”

  1. Annac. Says:

    Se si ama la propria città, bisogna essere disponibili anche a dedicare parte del proprio tempo affiche’ le cose migliorino
    C’è molto da fare, l’importante è voler fare
    SARO’ ATTENTA A RACCOGLIERE NOTIZIE ED EVENTI FUTURI PER FARE COSE COSTRUTTIVE CON LA MIA COMUNITA’.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: