L’acqua pubblica a Pozzuoli. Il Tar annulla il bando di gara del Comune. In allegato la sentenza

Ricevo e pubblico da Salvatore Carnevale

Carissimi, e il T.A.R. della Campania sentenzia che il bando di gara indetto dal Comune di Pozzuoli per l’affidamento della gestione del servizio idrico integrato è illegittimo. Questo è un grande risultato che il Coordinamento Civico Flegreo deve comunicare in tutte ai cittadini. E’ importante chiedere al Sindaco di Pozzuoli una convocazione di un Consiglio Comunale monotematico sull’argomento o un incontro pubblico per chiarire le posizioni politiche che l’amministrazione puteolana vorrà intraprendere per il prossimo futuro sulla gestione dell’acqua (bene comune). In caso contrario reputo necessario costituirci parte civile sulla sentenza emanata coinvogendo in tale contesto i comitati non solo del Coordinamento Civico Flegreo ma tutti i cittadini interessati e che appartengono al bacino idrogerografico dell’Ambito Territoriale Ottimanle 2 (Napoli-Volturno)

Salvatore Carnevale

la sentenza…


TAR Campania, Napoli, Sez. I, 28/10/2008 n. 18797

Sull’incompetenza del Comune a procedere all’affidamento del servizio idrico trattandosi di competenza propria dell’ATO.

In base all’art. 12, c. 1 della l. R.Campania 21 maggio 1997, n. 14, dal momento

della costituzione dell’Ente di ambito tutte le funzioni in materia di servizi idrici dei

comuni e delle province consorziati sono esercitate dall’Ente di ambito medesimo,

restando sottratta agli enti territoriali partecipanti al consorzio obbligatorio

l’esercizio di un potere diretto sugli impianti e la possibilità di incidere, con propria

autonoma delibera, sulla gestione del servizio.

Pertanto, nel caso di specie, sono illegittimi sia il bando che il disciplinare di gara,

non essendo il Comune competente ad adottare provvedimenti volti all’affidamento

del servizio idrico integrato.

Materia: acqua / servizio idrico integrato

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA CAMPANIA NAPOLI PRIMA SEZIONE

nelle persone dei Signori:

ANTONIO GUIDA Presidente

PAOLO CORCIULO Consigliere, estensore

CARLO DELL’OLIO Referendario

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

Sul ricorso n. 4952/2008 proposto da Ente d’Ambito Ottimale Napoli Volturno in persiona

del legale rappresentante p.t. rappresentato e difeso dall’Avvocato Riccardo Marone con

domicilio eletto presso quest’ultimo in NAPOLI, via Cesario Console n. 3;

contro

Comune di Pozzuoli in persona del Sindaco p.t. non costituito in giudizio;

pe l’annullamento, previa sospensione

– del bando di gara indetto con determinazione dirigenziale in data 20 maggio 2008 n. 741,

avente ad oggetto l’affidamento della gestione del ciclo integrato delle acque, i lavori di

adeguamento delle rete idrica e fognaria, nonché la progettazione esecutiva dei lavori di

adeguamento della rete idrica e fognaria comunale;

– di tutti gli atti connessi preliminari e conseguenti, ivi compreso il disciplinare di gara di cui

al bando impugnato.

Visti gli atti e i documenti depositati con il ricorso;

Udito il relatore Consigliere Paolo Corciulo;

Uditi alla camera di consiglio del 22 ottobre 2008 gli avvocati di cui al relativo verbale;

Letto l’art. 9 della legge n. 205/2000;

FATTO E MOTIVI DELLA DECISIONE

Il Comune di Pozzuoli con determinazione dirigenziale n. 741 del 3 20 maggio 2008

indiceva una gara per l’affidamento dell’appalto misto del servizio idrico integrato per la

durata di sei anni e per la progettazione esecutiva ed esecuzione di lavori di adeguamento

della rete idrica e di quella fognaria da concludersi entro tre anni.

Tale provvedimento veniva impugnato innanzi a questo Tribunale dall’Ente d’Ambito

Ottimale Napoli Volturno che ne chiedeva l’annullamento, previa concessione di idonee

misure cautelari, deducendo l’incompetenza del Comune a procedere all’affidamento del

servizio idrico, trattandosi di competenza propria dell’ATO, nonché rilevando la mancanza di

una previa deliberazione di indirizzo da parte del Consiglio Comunale in materia di

organizzazione del servizio

Il Comune di Pozzuoli non si costituiva in giudizio.

Alla camera di consiglio del 22 ottobre 2008, fissata per la trattazione della domanda

cautelare, il Tribunale tratteneva la causa per la decisione di merito sussistendo tutti i

presupposti per una decisione in forma semplificata.

Il primo motivo di ricorso è fondato.

Invero, costituisce costante orientamento della Sezione, anche recente, da cui il Collegio

non ritiene di discostarsi quello secondo cui in base all’art. 12, comma primo della legge

Regione Campania 21 maggio 1997, n. 14, dal momento della costituzione dell’Ente di

ambito tutte le funzioni in materia di servizi idrici dei comuni e delle province consorziati

sono esercitate dall’Ente di ambito medesimo, restando sottratta agli enti territoriali

partecipanti al consorzio obbligatorio l’esercizio di un potere diretto sugli impianti e la

possibilità di incidere, con propria autonoma delibera, sulla gestione del servizio (TAR

Campania Napoli I Sezione 17 giugno 2008 n. 5968; TAR Campania, Napoli, I, 29.12.2005,

n. 20674).

Pertanto, sia il bando che il disciplinare di gara devono ritenersi illegittimi, non essendo il

Comune di Pozzuoli competente ad adottare provvedimenti volti all’affidamento del servizio

idrico integrato, il conseguente l’annullamento dovendo ritenersi relativo a tutta la lex

specialis e così anche ai lavori di adeguamento, in considerazione della natura mista

dell’appalto e della funzione meramente accessoria di questi ultimi alla stregua dei criteri di

cui all’art. 14 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163.

Sussistono giusti motivi per compensare tra le parti le spese processuali.

P.Q.M.

Il Tribunale Amministrativo Regionale I Sezione

– accoglie il ricorso e per l’effetto annulla il provvedimento impugnato ;

– spese compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’Autorità amministrativa.

Così deciso in Napoli nella Camera di Consiglio del 22 ottobre 2008 dai Magistrati

Antonio Guida Presidente

Paolo Corciulo Consigliere, estensore

Carlo Dell’Olio Referendario

Il Presidente L’Estensore

Depositata in segreteria

Il 28 ottobre 2008

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: