Studenti e professori in assemblea contro le politiche del Ministro Gelmini

Professori e studenti si sono incontrati giovedì 23 ottobre, alla Cgil, di Pozzuoli, in un’assemblea pubblica per confrontarsi sulle politiche che questo governo sta portando avanti in materia d’istruzione. Più di cento tra studenti e professori che hanno animato il dibattito. All’assemblea ha partecipato anche il coordinatore nazionale dell’Unione degli Studenti Roberto Iovino, che proprio in questi giorni ha pubblicato una lettera sul sito del quotidiano Repubblica e del Corriere.

“Gli ultimi provvedimenti del Governo –ha affermato Iovino- prevedono un taglio radicale degli investimenti pari nove miliardi e mezzo di Euro che metteranno in ginocchio il sistema d’istruzione dalle elementari fino all’università. Questo dato inopinabile, basta leggere il testo della finanziaria, si abbatte sulla nostra percezione del futuro, su quello che saremo domani, sulla qualità della nostra vita, sul desiderio di libertà, che è insito in ognuno di noi. In un contesto –continua il coordinatore nazionale- di crisi dell’economia globale, non siamo rimasti passivamente a subire le politiche di un governo che taglia gli investimenti sulla conoscenza, non limitando la spesa pubblica nel sostegno economico alle banche o alla disastrata Alitalia, di cui tutti noi cittadini pagheremo i debiti”. Interazione tra studenti e professori, molti dei quali intervenuti a sostegno delle mobilitazioni studentesche che in questi giorni coprono l’intera zona flegrea. “Un momento di confronto necessario –ha affermato Riccardo Volpe, coordinatore dell’UdU sul territorio flegreo e responsabile regionale dell’UdS-  che serve a far sparire quel luogo comune secondo il quale il professore è sempre in contrasto con gli studenti. Ci riteniamo soddisfatti di questa assemblea –continua Volpe-  anche perché i ragazzi sono venuti in massa, hanno portato la loro esperienza e il loro pensiero in presenza dei professori. Cogliamo sicuramente un grande lato positivo: degli elementi comuni, condivisi da studenti professori e cittadini, che muovano la protesta in tutti il flegreo”. L’assemblea è stata organizzata in collaborazione col sindacato di categoria FlC-Cgil. Hanno partecipato, oltre a professori e studenti di tutte le scuole del territorio flegreo, anche una delegazione di genitori ed una della “Rete docenti precari”.

L’assemblea si è conclusa con il rilancio della mobilitazione nazionale per il 30 Ottobre ma soprattutto per la mobilitazione degli studenti flegrei che si terrà il 28 Ottobre, partendo da piazza Aldo Moro.

Annunci

Tag: , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: