I nuovi “incontri vesuviani”

Il 12 e 13 luglio sul Vesuvio, presso la dimora “Il fiume di pietra” (via Osservatorio,22, Ercolano) un intenso programma caratterizza la chiusura estiva degli “Incontri Vesuviani”, iniziati nel maggio di quest’anno e che riprenderanno in settembre.

“Il fiume di pietra” è un rifugio d’artisti e poeti internazionali che dialogano tra di loro e  che ivi elaborano idee cantierabili soprattutto per il rilancio  di Napoli.

 

Tra gli ospiti del 12 ci sono Luisella Carretta (Genova), artista, performer, giramondo, studiosa del volo dei rapaci, che presenterà con Stefano Silva il progetto Atelier Nomade, tratto dal libro Dove le pietre volano, edito da Campanotto. A seguire, dopo i voli di Luisella, si scenderà sul pedestre con la  “rapsodia dei piedi” di Mimmo Grasso, accompagnato al tammurro da Suena Carnevale, degli Echi Flegrei, e dai piedi di personaggi famosi fotografati da Maria Andreozzi, acquattata con la macchina fotografica per  prendere le impronte delle scarpe  dei presenti, da archiviare per i transiti nella storia e nella cronaca. Sergio Zuccaro, il poeta scelto quest’anno per “Le isole si accendono”, terrà una lectio magistralis su come si preparano i “Sottaciuti”. 

A seguire, i taccuini di viaggio dal festival del fantastico Sete sois sete luas (Santa Maria di Oporto), con proiezione di video sulle azioni napoletane presentate in Portogallo (Raffaele Rizzo, Vittorio Avella, Anna Lullo, Antonio Sgambati).

La domenica del 13 seminario del Collegio Patafisico Partenopeo (Rettore Mario Persico).

Sarà ricordato “Il Genoino” (alias Gambardella), già segretario del Collegio, e, dopo la presentazione dei “Reggisemi” (reggiseni colorati  con coppe di diverso formato e a forma di Vesuvio) si presenterà il n. 7 della rivista Patapart nonché le (già richiestissime) “Cartoline dal Vesuvio” elaborate dagli artisti napoletani.

A seguire, Mario Persico accoglierà formalmente nel collegio nuovi candidati.

Irripetibile e unico l’evento relativo all’equus neapolitanus, ovvero il simbolo di Napoli (è il cavallo dei terremoti, sacro a Poseidone, vesuviano), riprodotto dopo quarant’anni di ricerche da Giuseppe Maresca, che ne porterà un esemplare vivente sul Vesuvio narrandone la fantastica vicenda. Gli artisti e i poeti del Collegio disegneranno su carta scenografica il cavallo o produrranno versi ad hoc.

Ingresso libero.

 

 

 

 

Annunci

Tag:

2 Risposte to “I nuovi “incontri vesuviani””

  1. luca Says:

    a che ora comincia?

    grazie

  2. cirobiondi Says:

    dalla mattina ore 11 fino alla sera. Chi vuole può portarsi la marenna o prenotare per pranzo o cena (si paga molto poco). Se qualcuno ha la tenda, può installarla sul prato.
    Mimmo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: